GASTROENTEROLOGIA: TLI, FOLATI, VITB12

.1 INTRODUZIONE

Molte sono le cause di maldigestione e malassorbimento nel cane. I sintomi clinici come la diarrea e la perdita di peso sono relativamente aspecifici, conseguentemente una accurata diagnosi di laboratorio è essenziale per distinguere tra quelli dovute ad insufficienza esocrina pancreatica (EPI) e quelli indotti da altre cause.
Mentre i tests per la tripsina sia fecale che immunologici (Tripsin-Like-Immunoreactivity, TLI) possono essere usati per diagnosticare l’EPI, la misurazione dei livelli sierici di folati e della vitamina B12 può confermare la diagnosi di malassorbimento nell’intestino tenue dovuto ad una eccessiva crescita batterica od ad altre enteropatie.

.2 TRYPSIN-LIKE-IMMUNOREACTIVITY (TLI)
Nei cani con sospetto di malassorbimento è inizialmente opportuno indagare sulla eventuale presenza di EPI = Insufficienza Pancreatica Esocrina. L’EPI può determinare disturbi secondari del piccolo intestino che possono essere risolti semplicemente con l’idonea terapia dell’affezione primaria.
Misurando i livelli ematici di tripsinogeno secreto dal pancreas il test può consentire la diagnosi di EPI da un singolo campione di sangue: i livelli sono estremamente bassi in caso di EPI. Questo test elimina la possibilità  di errore diagnostico che può risultare dalla stima dell’attività  della tripsina fecale.

.3 MISURAZIONE DELLA VITAMINA B12 E FOLATI NEL SIERO
Questo test combinato è utile nei casi di mal assorbimento nel piccolo intestino o eccessiva crescita batterica. Livelli di folati eccessivamente bassi , suggeriscono un malassorbimento nel piccolo intestino prossimale; bassi livelli di vitamina B12 sono indicativi di malassorbimento nel piccolo intestino distale. Concentrazioni ridotte di B12 con folati aumentati possono essere associati con crescita eccessiva di batteri che sintetizzano folati ma che legano o degradano la B12.
Tuttavia anche l’EPI può essere associata a un ridotto assorbimento di xilosio con concentrazioni sieriche anormali di folati e B12; si raccomanda perciò che l’EPI venga esclusa prima di iniziare le procedure di screening per malattie primarie del piccolo intestino.
Vedi la sezione Gastroenterologia sul sito www.biessea.com.

Posted on