Relazioni cell – into – cell

In citologia sono descritte differenti condizioni in cui cellule vengano fagocitate da altre, sia in condizioni neoplastiche che non. Il termine “fagocitosi” deve essere riservato alle cellule che hanno una competenza fagocitica (macrofagi, istiociti) perché il meccanismo che vi è alla base prevede la presenza di pseudopodi e lisosomi con azione digestiva; per le altre cellule che manifestano un comportamento di “internalizzazione” sono riservate altre terminologie.

Con cannibalismo si intende la capacità di alcune cellule neoplastiche ad attività non fagocitica di internalizzare attivamente e in maniera irreversibile cellule del sistema immunitario o della loro stessa origine. Vi possono essere differenti forme di cannibalismo in base alle cellule che vengono coinvolte in questo processo: auto- cannibalismo (autofagia) è una condizione fisiologica di riciclo energetico da parte della stessa cellula che auto- fagocita i propri organelli dopo un periodo di carenza energetica; cannibalismo omotipico è quando una cellula tumorale inghiotte altre dello stesso tipo; xenocannibalismo avviene quando cellule neoplastiche inghiottono altre di diversa origine, solitamente leucociti. Le cellule internalizzate vengono digerite da specifici enzimi contenuti nei vacuoli delle cellule cannibali, fornendo loro in questo modo sostentamento e rendendole più resistenti ad eventuali condizioni sfavorevoli causate da una riduzione dell’apporto nutritivo nei tumori solidi a rapida crescita. Il cannibalismo cellulare deve essere differenziato dalla sovrapposizione visiva di altre cellule che può capitare in casi di concomitante flogosi; per confermare la presenza di cellule all’interno di vacuoli citoplasmatici è necessario servirsi della microscopia elettronica. In veterinaria, sono state riportate differenti neoplasie in grado di avere questo comportamento come tumori epiteliali (carcinoma squamo- cellulare, neoplasie mammarie e polmonari) e mastocitomi. In disordini linfoproliferativi (linfoma e leucemia linfocitica cronica) è riportato xenocannibalismo nei confronti degli eritrociti.

Con emperipolesi si intende una condizione sia patologica che fisiologica, in cui alcune cellule (prevalentemente leucociti, come linfociti e neutrofili) attraversano il citoplasma di altre cellule senza subire alcuna alterazione da parte delle cellule che hanno invaso; la differenza con il cannibalismo sta nel fatto che le cellule contenute non appaiono degenerate.

Con entosi si intende un fenomeno innescato dalla perdita di attaccamento alla matrice extracellulare che porta alcune cellule (ad esempio quelle di origine epiteliale), spinte dalla forza di compattazione, ad invadere quelle vicine uguali a loro. Le cellule vive interiorizzate possono essere degradate dagli enzimi lisosomiali, andando incontro a morte cellulare programmata non- apoptotica, o essere successivamente rilasciate.

 

Dr.ssa Silvia Rossi, DVM ECVCP dipl – Dr.ssa Giulia Mangiagalli, DVM

 

Bibliografia:

  • Erythrophagocytic low-grade extranodal T-cell lymphoma in a cat. Carter et a. Vet Clin Pathol. (2008);37:416–421.
  • Four cases of cell cannibalism in highly malignant feline and canine tumors. Costa Ferreira et al. Diagnostic Pathology (2015) 10:199
  • Cell cannibalism by malignant neoplastic cells: three cases in dogs and a literature review. Melendez-Lazo et al. Vet Clin Pathol 44/2 (2015) 287–294
  • What is your diagnosis? Liver aspirate from a cat. Heinrich et al. Vet Clin Pathol 45/3 (2016) 513–514
  • What is your diagnosis? Thoracic mass in a dog. Yang et al. Vet Clin Pathol (2019);48:774- 776.
  • What is your diagnosis? Lymphocytes engulfing erythrocytes in a cat. Mochizuki et al. Vet Clin Pathol. (2019);48:768–770.
  • https://hms.harvard.edu/news-events/multimedia/entosis
  • https://www.youtube.com/watch?v=RMraoAh72kI
Posted on